Segui un mentore e impara di più | Umberto Maggesi Consulente
17148
post-template-default,single,single-post,postid-17148,single-format-standard,cookies-not-set,qode-quick-links-1.0,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-theme-ver-13.1.2,qode-theme-bridge,wpb-js-composer js-comp-ver-5.4.5,vc_responsive
 

Segui un mentore e impara di più

mentore

Segui un mentore e impara di più

In ogni percorso di apprendimento si può scegliere fra imparare leggendo un libro, assistendo a un corso, guardando video oppure seguendo un mentore per un periodo più o meno lungo.

Nel Mondo del Qwan Ki Do – Kung Fu Vietnamita, di cui faccio parte fin dall’adolescenza, si dice che non si finisce mai di essere allievo. Il messaggio importante è frequentare sempre il proprio maestro e seguire le sue lezioni in maniera costante, per diventare  sempre più bravi.

Conosco persone che hanno provato a diventare esperti marziali leggendo libri, guardando video su You Tube, allenandosi in solitarie sessioni. Perché secondo loro non è necessario un maestro. Troppo tardi si sono accorti (e qualcuno ancora non se n’è accorto) che in questo modo l’apprendimento è limitato. Leggere il libro di un grande maestro (o campione) non è la stessa cosa che seguirlo, relazionarsi con lui, osservarlo e farsi correggere.

 

Una questione di memoria…

Nel mio percorso marziale le migliori competenze le ho acquisite stando vicino al mio Maestro, il Direttore Tecnico Italiano Maestro Roberto Vismara, osservandolo insegnare, relazionarsi con i suoi allievi, perfomare durante una dimostrazione o gestire un’emergenza. Incalcolabile la massa di competenze di cui ho potuto beneficiare dal percorso con lui.

Questo vale per molti ambiti, anche il coaching e il counseling. Persone davvero poco consapevoli credono che, leggendo un libro o due, si possono acquisire le competenze dei professionisti! Che assistendo a una giornata di formazione si possono acquisire le competenze del docente!

La metafora si applica a ogni campo e ha a che fare con i due grandi sistemi di memoria a lungo termine!

memoria

Memoria implicita e memoria esplicita

Il sistema di memoria implicita (detta anche non dichiarativa) è inconsapevole, come tale non può essere dichiarata o spiegata. Un esempio tipico è la memoria procedurale legata a una particolare azione, ad esempio l’andare in bicicletta, suonare uno strumento, oppure il gesto atletico. Una volta assimilata la pratica, si compirà l’azione senza doversi ricordare come fare, in sostanza si agisce implicitamente. Di questo sistema fa parte anche la memoria emotiva. Questo tipo di memoria si attiva quando quando nasce un particolare piacere (o disagio) a stare con una particolare persona o in un certo luogo. Quella persona o luogo ti fanno stare bene (o male) senza bisogno di ricordare il perché.

Nel sistema di memoria esplicita rientra tutto ciò che ricordi consapevolmente. È fatta di ricordi che possono essere richiamati e dichiarati, ad esempio nomi di persone, luoghi e avvenimenti del tuo passato, gli ingredienti di una ricetta, gli step di un processo. Agli occhi di un profano la memoria è solo questa!

Non puoi insegnare esplicitamente ciò che non puoi dichiarare

Tutto ciò che rientra nel sistema di memoria implicita può essere appreso solo attraverso l’osservazione, la frequentazione, il modellamento del mentore.

Un campione può spiegarti la tecnica di un gesto atletico, magari con le stesse parole del suo allenatore, ma non potrà spiegarti come riesce a rendere quell’azione altamente performante. Un formatore può insegnarti i principi per tenere degli ottimi corsi, la teoria che sta alla base della formazione, come gestire le obiezioni… ma non potrà insegnarti come fa a mettere in campo il suo stile, il suo modo di fare, la sua sensibilità nel cogliere le esigenze dei corsisti.

mentore

quindi molto si impara osservando e lasciandosi condurre da un mentore (maestro, professionista, senior…). Facendo attenzione sarai in ottima posizione per notare cosa fa, come riesce a ottenere quel particolare risultato. Confrontandoti con lui potrai essere reindirizzato (anche in maniera implicita) verso l’ottimizzazione della tua performance.

Dalla formazione al coaching personale

Questo è uno dei motivi per cui, alla formazione, tradizionale, faccio seguire un periodo di consulenza personale, in modo da concretizzare e allenare gli strumenti appresi durante il corso, valutando il modellamento di un mentore. Con il coaching avrai strumenti concreti per modellare i comportamenti impliciti di un modello di eccellenza, accelerando notevolmente il tuo apprendimento.

In questo modo, completerai e potenzierai la tua formazione, apprenderai gli strumenti per cogliere i tratti distintivi inconsci di un modello di eccellenza.

L’esperienza come rinforzo della memoria implicita

Naturalmente l’esperienza e il metterti in gioco, rinforzeranno le tue competenze implicite. Affiancato da un coach saprai definire meglio cosa, funziona nel tuo stile. Attraverso il modellamento potrai pulire i tuoi comportamenti, trattenendo solo il meglio e modificando o eliminando ciò che non funziona, ottenendo risultati più velocemente.

Formazione e Consulenza Personale sono i tuoi alleati per raggiungere gli obiettivi che desideri! La mia esperienza sarà al tuo fianco per lavorare incisivamente sulle tue aree di miglioramento e finalizzare velocemente le tue competenze.

Chiedi maggiori informazioni senza impegno qui.



Strumenti per la tua CONSAPEVOLEZZA

Entra nella community, coltiva e potenzia i tuoi talenti

Riceverai Immediatamente

lo strumento di valutazione delle aree più importanti della tua VITA





* Facendo clic su “Desidero iscrivermi”, accetti la nostra politica di privacy. Se cambi idea, puoi annullare l'iscrizione facendo clic sul link che trovi nella parte inferiore della newsletter.

Segui un mentore e impara di più

by Umberto Maggesi Tempo di lettura: 4 min